Dan Levy parla di 'Coastal Elites' e del riconoscimento Emmy per 'Schitt's Creek'

Dan Levy Coastal Elites HBO
Domande e risposte

HBO

HBO offrirà ai fan una presentazione unica questo sabato 12 settembre con Elite costiere , una raccolta di monologhi comici socialmente distanti dal drammaturgo Paul Rudnick e dal regista Jay Roach.



La satira comica vanta un cast impressionante tra cui Dan Levy, Bette Midler, Issa Rae, Sarah Paulson e Kaitlyn Dever. Elite costiere esplora lo stato attuale del nostro mondo immergendosi in cinque storie separate che illustrano la ricerca universale della connessione umana in un panorama politico profondamente diviso.



Dan Levy Coastal Elites HBO

(Credito: HBO)

Candidato agli Emmy e Schitt's Creek il creatore Levy interpreta Mark Hesterman, un giovane attore che si impegna in una videoconferenza con il suo terapista per motivi personali e di carriera. TV Insider ha incontrato Levy prima del debutto dello speciale per discutere del suo ruolo in questo progetto, nonché dell'impatto di Schitt's Creek alla vigilia degli Emmy di quest'anno.



Cosa dovrebbero sapere le persone Elite costiere ?

Dan Levy: È una raccolta di monologhi che toccano l'attuale clima politico attraverso diversi punti di vista. E penso che Paul Rudnick abbia fatto un lavoro così incredibile nello scrivere questo pezzo e nel giocare con la percezione. Penso che molto di quello che sia è giocare con la tua percezione di chi sono queste persone e realizzare mentre i monologhi continuano che in realtà sono molto diversi da quello che potresti aver pensato inizialmente.

E ho pensato che quei colpi di scena fossero stati fatti in modo davvero premuroso. È ciò che mi ha davvero entusiasmato di questo progetto. Anche l'idea di giocare sul nome Elite costiere è una specie di giocare sul giudizio che penso abbiamo come cultura. Promuovere qualcosa come sedersi con questi personaggi e ascoltarli sinceramente, penso, sia rappresentativo di ciò che dobbiamo fare di più per capirci meglio l'un l'altro perché siamo in una cultura così combattiva in cui non siamo ascoltando più. Stiamo solo cercando di aggrapparci a ciò in cui crediamo in modo che non ci venga portato via.



Il tuo personaggio intraprende un viaggio piuttosto emotivo nel corso del suo monologo. Cosa dovrebbero sapere le persone di Mark e come si inserisce Elite costiere ?

Bene, è un attore a cui viene data l'opportunità di fare un provino, e poi avvicinarsi molto a recitare, il primo supereroe apertamente gay in un grande film di successo. Elaborare ciò che significa e la sua esperienza di arrivare al punto in cui sta aspettando una telefonata è molto meno affascinante di quello che penso che la gente si aspetti dall'industria cinematografica.

Elite costiere Dan Levy

(Credito: HBO)



Riuscire a esporre alcuni di quei momenti meno glamour è stato davvero significativo per me perché penso che io e Mark, essendo entrambi attori gay, abbiamo vissuto momenti molto simili in cui ci è stato chiesto di compromettere chi siamo e cosa rappresentiamo, per qualcun altro idea di come dovrebbe apparire, parlare o essere una persona gay. Esplorare quella conversazione che hai con te stesso e la tua anima, quando ti viene chiesto di scendere a compromessi in quel modo, è stato qualcosa che ha colpito molto vicino a casa.

È stato questo che ti ha portato a questo personaggio e progetto?



Sì, assolutamente. Penso che nel momento in cui puoi ritrovarti in un personaggio, è divertente quando riesci a trovare quel tessuto connettivo perché in un certo senso rende il lavoro più facile. Sei immediatamente consapevole, in una certa misura, di chi è questa persona o di cosa ha passato. Ovviamente, penso che siamo molto diversi nel senso che occupa 20 minuti del tempo del suo terapeuta parlando di un ruolo cinematografico, ma quel film è importante per lui e importante per molte persone. Certamente ti coinvolge in un modo molto chiaro e avvincente. E poi, ovviamente, Jay Roach, Paul Rudnick e quell'incredibile cast di attori... Non puoi allontanarti da questo. Sarebbe un errore.

Parlando del cast, hai potuto partecipare a un tavolo virtuale di lettura. Com'è stata quell'esperienza?



È stato davvero notevole. Ero assolutamente terrorizzato perché all'improvviso sei su una [chiamata] Zoom e c'è Bette Midler che sta solo guardando. E il modo in cui hanno letto la tabella è stato molto fluido, quindi non c'era modo di fermarsi. È stato un po' come se tu avessi riattivato l'audio quando è arrivata la tua parte e hai fatto il tuo monologo e poi hai riattivato l'audio e poi la persona successiva sarebbe entrata. È stato snervante perché sto guardando queste esibizioni e puoi leggerle e le parole sono così avvincenti, ma poi vedere il calibro del talento che dà vita a queste parole in modi così avvincenti e belli mi ha solo reso più nervoso per quello che stavo facendo. Ma sono rimasto davvero commosso dall'intera faccenda, vedere tutti che hanno lavorato così duramente con questi personaggi, perché i monologhi non sono facili.

È stato scritto magnificamente, ma alla fine è l'attore che parla direttamente in una telecamera e non c'è niente intorno a loro. Quindi devi fare tutto il possibile in modo da non perdere l'interesse delle persone e servire e onorare le parole che sono state scritte per te nel miglior modo possibile. Dopo essermi allontanato da quel tavolo di lettura, sapevo che c'era qualcosa di veramente speciale in quello che stavamo facendo. C'era qualcosa di veramente nuovo ed eccitante nell'aria.



Merda

(Credito: Pop TV)

Schitt's Creek ha terminato la sua corsa all'inizio di quest'anno e ha ottenuto diverse nomination agli Emmy. Come ci si sente ad essere riconosciuti per il capitolo finale dello show?

Bene, non puoi chiedere un modo migliore per concludere un periodo piuttosto straordinario. Sembra davvero la ciliegina sulla torta perché noi, come squadra, ci siamo divertiti moltissimo a realizzare lo spettacolo. Sono così orgoglioso di tutti e del lavoro che hanno fatto e del tempo e della cura che hanno messo in questo spettacolo, perché non stavamo lavorando con un grande budget, non abbiamo avuto un sacco di opportunità. Quindi devi davvero dare il 110% per farlo uscire. E vedere quest'ultima stagione riconosciuta in questo modo è davvero straordinario. Non solo i nostri attori, ma vedere i membri della nostra troupe essere riconosciuti con le nomination agli Emmy, è davvero selvaggio e sono semplicemente elettrizzato per tutti. Sono così orgoglioso.

Elite costiere , Anteprime, sabato 12 settembre, 8/7c