'La giraffa del cantante mascherato su ciò che non hai visto durante la lunga congettura di Ken Jeong

The Masked Singer Stagione 4 Episodio 3 Giraffe Performance
Avviso spoiler

Michael Becker/FOX

[Attenzione: quanto segue contiene PRINCIPALI spoiler per la Stagione 4, Episodio 3 di Il cantante mascherato , I play-off girone A – Parole in maschera famose.]



È stato di nuovo il turno del Gruppo A nella puntata di mercoledì di Il cantante mascherato , ma Giraffe non è riuscita a raggiungere nuove vette e ad andarsene con il trofeo della maschera d'oro.



Così, mentre Popcorn, Sun e Snow Owls avanzavano, Giraffe è stata smascherata dopo la sua seconda performance (Get Down on It di Kool & the Gang) nei panni dell'attore Brian Austin Green ( Beverly Hills, 902010 ).

È stato decisamente difficile recitare in costume, ha detto Green a TV Insider. Avevo una vista davvero limitata. Non riuscivo a vedere dall'alto o dal basso e non avevo affatto una visione periferica. Avevo questa piccola scheggia da guardare, quindi è stato difficile assicurarmi che il costume rimanesse insieme e la maschera rimanesse addosso ed fosse abbastanza solida da potermi muovere e non si svolazzasse. È stato davvero impegnativo. Sono contento che abbia funzionato e che la gente non avesse idea che fossi io.



Ecco, Green si apre sul fare Il cantante mascherato ora, l'ipotesi molto lunga (e sbagliata) del relatore Ken Jeong, e altro ancora.

Come sei stato coinvolto in questa stagione di Il cantante mascherato ? Perché ora era il momento giusto per te per farlo?

Brian Austin Green: Perché ero annoiato. [ Ride ] Tutti seduti a casa. È la pandemia. Avevo passato cinque mesi a casa mia e l'idea di, Oh, posso fare qualcosa e comunque intrattenere le persone, ma in questo modo, sembrava proprio lo spettacolo perfetto. L'idea è che non è davvero una competizione, non è quanto bene canti o fai quello, si tratta solo di divertirti, quindi mi è sembrato un gioco da ragazzi, onestamente. Mi piace il fatto che non fosse una competizione, non ha quell'atmosfera, e penso che lo spettacolo sia davvero ben fatto ed è divertente da guardare ed è interessante per le persone, specialmente ora sedute a casa, poterlo guardare . È come, ehi, non hai altro che tempo per provare a fare ricerche e farne parte, quindi ho pensato che fosse bello.



Parliamo di quel costume e del collo - e ho adorato gli occhiali!

[ Ride ] Grazie.

Perché la giraffa?



L'ho appena lasciato al reparto costumi. Ero tipo, sai cosa? Dirò: 'Ehi, che ne dici di una bottiglia di ketchup?' Non sono super creativo in questo modo. Ho detto, ascolta, rimarrò nella mia corsia, voi ragazzi correte con lui e avevano due costumi diversi. Avevano la giraffa e poi ne avevano uno che era come un serpente.

Giraffe The Masked Singer Stagione 4 Episodio 3

(Michael Becker/FOX)



La Giraffa sembrava davvero adatta. Mi piaceva l'atmosfera che proveniva dal disegno originale che avevano e sapevo che sarebbe stato divertente. Sapevo che sarebbe stato impegnativo e che sarebbe stata un'esperienza interessante e che sarebbe stata una parte davvero interessante per me, e lo è stato. Quella testa di giraffa, essendo grande com'era, è stata una tale sfida, ma alla fine della giornata, mi sento come se fossi davvero sopravvissuto a qualcosa e questo è piuttosto bello per me. Questo è uno di quelli in cui proverò qualcosa che sembra impossibile, e il fatto che ci sia riuscito è stato bello. Essere in grado di ballare e fare cose in questo è stato davvero fantastico.

E ho pensato che sarebbe stato un personaggio divertente da vedere per i miei figli, ma i miei figli non riescono a stare svegli abbastanza a lungo. Ho scattato una foto la prima settimana quando è andato in onda lo spettacolo perché ero tipo, Ehi, guardiamo questo spettacolo. Sono persone in costume, che si esibiscono e fanno cose, ed erano tipo, oh, è fantastico. Alle 8:15 erano profondamente addormentati, quindi ho scattato loro una foto mentre dormivano. Le mie aspettative erano molto diverse da quelle che avevo, ma è stato divertente.



Ed era un costume così dettagliato.

Oh, quel reparto costumi, sono fenomenali [con] quello che fanno. La loro attenzione ai dettagli è folle. Se hai davvero una possibilità, guarda solo i mocassini che indossavo. Quelli erano semplici mocassini e uno per uno, hanno incollato ogni singolo gioiello su quelle scarpe e le hanno rese quello che erano. Lo hanno fatto sul bastone. Lo hanno fatto sul giubbotto. Era un costume davvero intricato e la loro attenzione ai dettagli è incredibile. Non c'è da stupirsi che abbiano vinto un Emmy [nel 2020, per i migliori costumi per un programma di varietà, saggistica o realtà] per quello che fanno nello show perché è eccezionale. È incredibile quello che fanno.



Passando alle ipotesi dei relatori, cosa ne pensi di loro? Devo dire che hai fatto un ottimo lavoro interpretando la commedia con la tua reazione alla lunga spiegazione di Ken, che non doveva essere facile da fare con quel costume.

Oh mio Dio, essere lì, Ken è fantastico, è davvero divertente, ma quel tipo sa parlare. Quando ti dico che era mezz'ora, nessuna fottuta bugia, era mezz'ora. Quel tizio non smetteva di parlare. Devi capire, essere in quel costume, è terribilmente a disagio. Fa molto caldo dentro. Non c'è affatto circolazione d'aria. E non puoi parlare. Quindi stai solo lì. E una volta che se ne è andato, questo è il punto in cui era come, amico, possiamo concludere? Dai, stai parlando di nodi d'aglio e ogni sorta di cose. Facciamolo.

E poi essendo il comico che è, ha capito che stava parlando troppo ed era un po' fastidioso e poi ha corso con quello. Quindi è stato come, OK, parlerò, a modo mio, del fatto che stai parlando troppo in questo momento. Sarebbe come 30 minuti che staresti lì mentre parla lontano. Lo modificano, fanno tutto questo, lo rendono molto meno doloroso per le persone, ma essere sul palco, davvero, quel tipo può parlare come non ho mai sperimentato. È davvero bravo a parlare, e gli ho parlato dopo e gli ho dato un cazzo, e si è scusato perché non ha pensato al fatto che, oh, il costume fa schifo per essere dentro e lo hanno stai lì per 30 minuti mentre parlo in quel costume.

È stato davvero divertente. È davvero difficile trovarsi di fronte a persone che possono parlare e non puoi fare altro che mimare. Ti senti come un personaggio di Disneyland, e stai solo facendo i pollici in su, i gesti delle mani e tutte queste cose perché non possono vedere la tua faccia. Questa diventa la sfida. Come si fa a mantenere in vita un personaggio senza poter parlare? E non fanno altro che parlare. Vuoi rispondere e dire, è stata una stupida supposizione, e non puoi fare altro che dare il pollice in su o il pollice giù o dormire sul palco, che è quello che ho fatto.

The Masked Singer Giraffe Stagione 4 Episodio 3

(Michael Becker/FOX)

Nessuno ti ha indovinato, ma Joel McHale era almeno nel campo da baseball con lo spettacolo giusto con Jason Priestley.

Era nel campo giusto con Jason, ma poi era lo stesso campo da baseball che penso fosse quando Nicole parlava di Megan [Fox] e trasformatori e poi all'improvviso è diventato Shia [LaBeouf] e poi è stato come, Oh, amico, nessuno ha la più pallida idea di chi sono in questo costume. Non potrebbero essere più lontani di quanto non siano adesso. Quindi, bello, va bene, sta diventando divertente. Ora tocca solo a me continuare a sfidarli e fare quante più cose possibile per buttarli fuori. È diventato divertente per me e poi, ovviamente, non è durato a lungo, quindi ho pensato, dannazione, avevo tutte queste idee e poi sono tornato a casa. Non devo più indossare questo costume.

Cosa è andato a finire nelle tue scelte musicali? C'era qualcosa che volevi mostrare in particolare con la tua voce?

Il mio tono originale era fare la canzone When I Get You Alone [del relatore] Robin [Thicke] perché inizia con l'intera cosa di Beethoven e si abbinava perfettamente al costume e tutto il resto. Hanno questo processo in cui scegli le canzoni e poi prendono gli strumentali e poi lavori con Tim, il vocal coach, e poi lui registra la musica e tu canti la canzone. Gli ho parlato il giorno dopo, ed è stato tipo, OK, beh, che ne dici di questa canzone? Quindi ero tipo, OK, quindi non è successo: avevo tutte queste idee per le canzoni. Non sono un cantante molto bravo, quindi ho continuato a scegliere tutte queste canzoni, pensando, oh, questa canzone sarebbe fantastica dal punto di vista drammatico, dal punto di vista estetico sul palco e poi ho capito subito che non posso cantare questa canzone.

La canzone di Robin è stata la prima perché ho pensato che sarebbe stato divertente da fare, una delle sue canzoni, e poi non ha funzionato bene. Poi stavo per fare Jamiroquai, Virtual Insanity, ma lui è davvero un bravo cantante, quindi ho continuato a scorrere la lista fino a quando non sono arrivato al punto in cui ero tipo, ascolta, ho solo bisogno di divertirmi ancora sul palco ma fare qualcosa che non sia così impegnativo dal punto di vista vocale come quelle canzoni. È stato allora che i Black Eyed Peas hanno avuto un senso perché ho lavorato con loro prima, conosco Will da sempre e mi è sembrata una scelta davvero divertente sul palco essere in grado di fare tutto ciò che potevo in quel costume e lanciarli spento, e ha funzionato.

Il cantante mascherato , mercoledì, 8/7c, Fox