La star di 'Colony' e 'Walking Dead' Sarah Wayne ribatte la sua preferenza per le storie 'davvero estreme'

Colony - Season 2 Q & A Justin Stephens / Rete USA

'Sono interessato a chi sono le persone quando tutto viene portato via, sia da zombi che da alieni', afferma Sarah Wayne Callies, riferendosi a due dei suoi progetti preferiti, AMC Il morto che cammina e, ora, negli Stati Uniti Colonia .

Questa preferenza per le storie 'davvero estreme' è stata sicuramente soddisfatta: il dramma sull'occupazione aliena ha privato il suo personaggio, Katie Bowman, e il marito Will (Josh Holloway) di rifugio, speranza - e un figlio (Jacob Buster).



Di seguito, Callies approfondisce il processo di recupero con noi.



Congratulazioni per aver diretto l'episodio del 26 giugno. È stato bello con uno scontro violento tra Will (Josh Holloway) e il subdolo collaboratore Snyder (Peter Jacobson). È stata la tua prima regia? Come si sono sentiti i tuoi amici riguardo al fatto che li hai controllati?

Era la mia prima volta! Prima di tutto, non ho mai lavorato con un buon regista che crede che il controllo delle persone intorno funzioni. ( Ride ) Ma è stato un tempismo interessante, perché proprio mentre iniziavo a preparare la regia, Harvey Weinstein e il movimento #MeToo sono esplosi. Tanti di noi nel settore hanno sperimentato queste cose orribili e abbiamo scoperto che non eravamo soli, ma con nostro orrore è stato pervasivo.



In contrappeso a quella narrativa, sono grato di aver avuto l'opportunità di dirigere un gruppo di bianchi bianchi, ricchi e potenti. E mi hanno dato le spalle. Era un po 'un antidoto. C'era qualcosa di salutare in questo. Josh Holloway (che è anche un produttore esecutivo) non solo ha firmato, ma è andato a farmi pipistrello a livello esecutivo. E (i produttori esecutivi) Ryan Condal e Carlton Cuse non solo sono stati di supporto, ma avevano un piano d'azione passo-passo. Ora che abbiamo concluso la terza stagione, sono appena uscito dalla sala di montaggio per il mio secondo segmento di regia. Colonia mi ha aperto delle porte tremende. Sto dirigendo un episodio della prossima miniserie Indicibile per il Sundance Channel sulla diffusione dell'AIDS attraverso il sistema sanguigno negli anni '80 e '90.

Katie una volta aiutò a guidare la resistenza contro gli host alieni. Ora lavora per le autorità di Seattle. Perché?

Sarah Wayne Callies: Il suo obiettivo è quello di costruire la vita più sicura possibile per i suoi bambini sopravvissuti (Isabella Crovetti e Alex Neustaedter). La sua storia esplora come durante le occupazioni storicamente, la maggior parte delle persone non resista o collabori. La complicità senza azione? Questo è il modo in cui il pubblico sembra sentirsi.



Quando si è trattato di separare tutti quei bambini dai loro genitori al confine, molte persone che erano state piuttosto tranquille riguardo alle cose politiche alla fine hanno detto: 'Assolutamente no, mi dispiace. Chi se ne frega di chi ha votato, non mettere i bambini in gabbia. ' Quando il tuo silenzio diventa tacito supporto per qualunque cosa un'occupazione o un'amministrazione stia facendo? Questo è ciò che stiamo esplorando con Katie in questo momento.

Sarah Wayne Callies nel ruolo di Katie Bowman, Josh Holloway come Will Bowman (Foto: Daniel Power / USA Network)

Il ruolo è duro fisicamente ed emotivamente come sembra?



Assolutamente.

Qual è stato l'episodio o l'arco della scena più difficile?



Gli episodi 5 e 6 di questa stagione sono stati incredibilmente difficili. Innanzitutto, perché li abbiamo girati per lo più fuori, nelle montagne fuori Vancouver, e faceva molto freddo e molto buio. E poi ovviamente stratificare sulla perdita di un bambino, Charlie, con la potenziale morte di un altro, Gracie, a causa di un infettivo settico è stato davvero difficile. Quando Josh e io abbiamo finito quei due episodi, siamo usciti per un cocktail e ci siamo guardati e abbiamo pensato: 'Bene, grazie a Dio, è finita'.

Ho giocato a Lori Grimes Il morto che cammina ti prepari per questo ruolo, con l'azione e la distopia e il suo sacrificio per il suo nuovo bambino?



Lori non mi ha preparato per questo. Sono donne estremamente diverse in termini di chi sono e cosa vogliono, ma sono decisamente attratta da storie davvero estreme, come questi spettacoli. In un certo senso sono foto-negativi di ciascuno. Morto che cammina è un'apocalisse che è caos e Colonia riguarda occupazioni aliene iperorganizzate. Sono davvero interessato a chi sono come persone quando tutto ciò che pensavamo di sapere di noi stessi è portato via. Ho lavorato nei campi profughi con l'International Rescue Committee e quello che spesso scopri è che non siamo le persone che pensavamo di essere quando eravamo al sicuro, al caldo e ben nutriti. Possiamo diventare qualcosa di molto diverso quando tutto ciò scompare, che si tratti di alieni o zombi. O roba geopolitica.

Il vecchio compagno di resistenza di Katie Broussard (Tory Kittles) è tornato. Perché la loro connessione è così profonda?



È il legame tra le persone che stavano combattendo insieme. Ho incontrato i veterani della guerra in Iraq quando ho fatto (The National Geographic) The Long Road Home, e il loro amore e devozione reciproci è impossibile da sopravvalutare. Fu un enorme tradimento (nell'episodio del 4 luglio) quando Katie apprese che Broussard aveva contattato Will per un'operazione (segreta).

Nel frattempo, un'altra pericolosa forza aliena si sta avvicinando. Gli umani possono forse vincere?

La domanda diventerà se un'alleanza con una parte potrebbe risparmiare l'umanità. L'IGA (collaboratrice aliena) ritiene che gli host siano la nostra migliore protezione. Alla fine della stagione, avremo la risposta.

Fox ha parlato di riportare indietro Evasione in una sorta di iterazione. Ne hai sentito di più? Sei interessato?

L'ultima cosa che ho sentito è stata sulla rete Upfront in primavera. 'In pratica stiamo cancellando tutto sulla rete, ma stiamo ancora parlando Evasione. 'So che Paul Scheuring sta scrivendo e lavorando sul lancio di cose. Paul è brillante ed è uno spettacolo per cui ho un grande affetto. Se escogitano qualcosa che pensano valga la pena fare, mi sorprenderebbe molto, se non fossi d'accordo. È solo una questione se c'è un altro capitolo in questa storia.

Sembra che ci sia rimasto un altro capitolo Colonia.

Lo spero certamente. Adoro questo spettacolo con tutto il cuore. Sono così orgoglioso di parlare di cose come il fascismo e la resistenza in questo momento. Fare intrattenimento su qualcosa di così rilevante è un grande dono.

La buona fantascienza ha sempre avuto la libertà di affrontare le difficili questioni politiche della vita reale in modo divertente, non è vero?

Assolutamente. La fantascienza ci ha sempre permesso di esplorare questioni che sembrano troppo pericolose per essere esplorate in altro modo. Come ho detto, è un regalo.

Colonia , Mercoledì, 10 / 9c, Stati Uniti

TV Guide Magazine

Questo articolo è apparso anche nel numero 9 luglio - 22 luglio di TV Guide Magazine.

Iscriviti a TV Guide Magazine .