Recensione: Il finale della prima parte di 'The Nevers' è una delusione disordinata

Recensione

HBO

La serie fantasy di HBO I Nevers avuto un inizio molto forte. Sfortunatamente, il finale della prima parte è stato confuso e ha chiuso la sensazione che le cose andassero in pezzi che è iniziata nel quinto episodio. Non c'è da stupirsi che la HBO abbia inviato screener per la stampa solo per i primi quattro episodi.



Inizialmente, I Nevers sembrava che avesse una premessa molto allettante per gli amanti del fantasy. Uno spettacolo d'epoca in cui le donne e alcuni uomini, alla fine del 1800 a Londra, acquisiscono poteri misteriosi e sono temuti e presi di mira dal resto della società, è il foraggio perfetto per la TV di prestigio. Siamo stati investiti abbastanza rapidamente nella missione della signora Amalia True (Laura Donnelly) di creare un rifugio sicuro per i Touched (le suddette persone dotate di poteri) in un orfanotrofio locale, siamo stati intrattenuti da grandi scene d'azione e siamo stati abbagliati da superbi effetti speciali , scene e costumi. Allora, dove è andato tutto storto? Beh, forse con il tentativo di fare troppo.



La forza dello spettacolo sta nell'usare i Touched per interrogare il modo in cui la società tratta gli estranei, come evidenziato dalla guerra di Lord Massen (Pip Torrens) contro di loro. Queste persone hanno poteri e, indipendentemente dal motivo per cui li hanno, il mondo che li circonda deve affrontarli. Dove lo spettacolo si mette nei guai è quando tenta di svelare la mitologia dietro la provenienza di questi poteri. Questo è ciò a cui si è dedicato il finale di ieri sera: la storia delle origini di Amalia e cos'è in realtà quella cosa nell'uovo.

L'episodio inizia con una zona di guerra in un lontano futuro, dove un gruppo di combattenti chiamato Planetary Defense Coalition sta tentando di liberare un alieno gigante che pensano possa aiutare il loro pianeta morente. Lanciano in giro un gergo che il pubblico non può capire, e generalmente sembra un altro spettacolo completamente. Come quello Cose più strane episodio della seconda stagione che tutti odiavano dove Eleven (Millie Bobby Brown) va a Chicago, il cambiamento di ambiente porta gli spettatori fuori dalla storia.



Quanto a chi, e cosa, è Amalia True? È altrettanto contorto. Non è la persona che abbiamo visto saltare nel fiume nell'episodio 1, ma piuttosto qualcuno di quel futuro apocalittico che è stato messo nel corpo della suicida Mrs. True dall'alieno, che a quanto pare si chiama Galanthi. Ciò che la serie non riesce a capire è che una certa semplicità avrebbe fatto molta strada qui. Se i Toccati acquisissero i loro poteri da un vago evento cosmico (e non da un alieno dal futuro) e Amalia fosse una persona che ha cercato di togliersi la vita ma ora ha trovato un nuovo scopo nel guidare gli altri che erano cambiati come lei, ciò sarebbe sono stati più che sufficienti per alimentare la storia. Inoltre, la tragica storia della vera signora True è molto umana che possiamo capire, mentre è molto più difficile connettersi con questo soldato del futuro. Il penultimo episodio, Hanged, si è concluso con le strade di Londra inondate da una rivolta anti-Touched, iniziata da Maladie (Amy Manson) e aiutata da Lord Massen, lasciandoci timorosi di quello che potrebbe succedere all'orfanotrofio. Questa sembra una storia più che sufficiente da approfondire senza la sottotrama futuristica, che è più una distrazione a questo punto che altro.

La rivolta sembra ciò che la serie ha costruito per tutto questo tempo. È il punto di svolta in cui tutte le tensioni tra la società Touched e quella londinese ribollono. E cosa succede proprio quando lo spettacolo è a quel climax? Si devia verso il futuro. Il finale non si occupa delle conseguenze della rivolta. Mostra a malapena la missione di Amalia di salvare i Galanthi. Invece, l'episodio elimina tutto questo slancio ed è strutturato come un enorme dump di informazioni mal spiegato su come Amalia è arrivata qui. Anche con tutto ciò, non risponde a molte domande, come cosa sono questi alieni e perché Amalia e il PDC pensano di poter salvare il pianeta?

In effetti, questo è uno spettacolo in cui molto del sottotesto potrebbe trarre vantaggio dall'essere reso testo. Ad esempio, il termine Galanthi viene introdotto nell'episodio 5 senza alcun tipo di definizione, quindi se ti ci è voluto un po' per capire a cosa si riferivano tutti i personaggi, non sentirti male, non ti sei perso nulla. Lo spettacolo ha semplicemente trascurato di offrire una spiegazione. Lo stesso si potrebbe dire per la rivelazione che una devota di Maladie di nome Clara (Sylvie Briggs), un personaggio minore che la maggior parte degli spettatori probabilmente non ricorda, è quella che è stata effettivamente impiccata, e non la stessa Maladie. stavo aspettando a metà Monaco -ispirato ecco cosa è successo monologo dell'ispettore Mundi (Ben Chaplin) a riguardo, ma non ce n'è.



Ho cantato le lodi di questa serie per tutta la stagione. Dal momento in cui la severa Amalia e l'ottimista Penance (Ann Skelly) – di gran lunga il miglior personaggio dello show – arrivano con le loro argute battute per salvare Myrtle (Viola Prettejohn), e prendono a calci i misteriosi mercenari che cercano di rapirla, sono stato catturato. Ma i ripetuti tentativi di raccontare questo retroscena alieno/futuristico continuano a far deragliare quello che altrimenti sarebbe uno spettacolo eccellente. Ovviamente Joss Whedon ( I Vendicatori , Buffy l'ammazzavampiri ) ha diretto la stagione fino a questo punto, e in seguito Philippa Goslett assumerà il ruolo di showrunner ora che Whedon si è dimesso (tra le polemiche che circondano il regista), quindi potrebbe benissimo avere un approccio diverso a come dovrebbe essere gestita la narrazione. Ma per ora, penso che dobbiamo presumere che la serie continuerà con ciò che è già stato impostato. Il risultato è che lo spettacolo viene tirato in due direzioni diverse: l'orfanotrofio e le questioni ambientate nel XIX secolo che lo circondano e l'alieno dal futuro. La costruzione del mondo è già abbastanza difficile se non devi allestirne due diversi all'interno di un singolo spettacolo.

Guardare i residenti Touched dell'orfanotrofio prendersi cura l'uno dell'altro (quella scena in cui tutti lavorano insieme per interpretare la traduzione di Myrtle della canzone di Mary è semplicemente bellissima) mentre affrontano minacce esterne, come un serial killer che dà loro un brutto nome, un playboy signore (James Norton) che vuole sfruttarli, e una società che vuole bruciarli, è affascinante. Se solo potessimo accettare di riconvertire la parte fantascientifica ribelle della storia, HBO avrebbe la migliore nuova serie fantasy di prestigio in televisione. Così com'è, è probabile che da qui in poi possa solo peggiorare.