Shane Taylor sul campionato della Ring of Honor è stato il suo vincitore: 'Nessuno ha organizzato partite migliori'

Shane Taylor
Domande e risposte

Anello d'Onore/Mike Adams

I fan del wrestling della Ring of Honor hanno parlato. Secondo un voto di Facebook, vogliono vedere Shane Taylor sfidare Rush per il campionato mondiale dell'azienda. E quella partita tanto attesa si svolgerà nell'episodio del 27 febbraio di ROH TV.



Per Taylor, il suo primo tentativo di vincere il primo premio tarderà ad arrivare. Quando guardi il mio curriculum negli ultimi tre anni, non penso che sia un'affermazione folle dire che sono stato l'MVP di ROH, dice il wrestler. Nessuno è stato più coerente, ha messo su partite migliori.



Prima di una delle più grandi partite della sua carriera, l'ex campione televisivo si è seduto per parlare di un potenziale passaggio alla storia.

Quanto è importante questa opportunità?



Shane Taylor: Stai parlando di un'eredità e di un lignaggio di un campionato che è sinonimo di essere il migliore al mondo. Avere il mio nome menzionato come sfidante, è eccitante e umiliante. C'è stato solo un maschio afroamericano che ha fatto la storia che sto cercando di fare e ha vinto il campionato ROH, ed è Jay Lethal.

Shane Taylor

Anello d'Onore/Mike Adams

Fai wrestling da quasi 15 anni. Ci sono stati molti progressi in quel periodo riguardo alla diversità sul ring?



Abbiamo fatto dei passi avanti. Non credo che il talento sia mai stato un problema. Il problema arriva con la gestione. Finiscono per stereotipare i neri in ruoli che possono essere facilmente identificabili o a proprio agio con le masse. Non funziona quando metti solo le persone in una scatola. Se puoi creare personaggi multistrato per ragazzi come Stone Cold Steve Austin o Triple H, allora puoi farlo per Bobby Lashley o Kofi Kingston o Keith Lee.

Metti nel team creativo persone che comprendono queste culture. Ciò darebbe una versione più autentica di questi personaggi a cui i fan possono relazionarsi perché non stai dando loro una versione tagliabiscotti di una persona di colore. Non è una caricatura della cultura. Puoi vedere cosa hanno questi talenti.

Quanto sei vicino al tuo ex tag partner Keith Lee?



Più vicino che mai. Il mio equipaggio è diverso da quello di molte persone nel wrestling professionistico. È un'atmosfera familiare e ci motiviamo a vicenda. Questo va oltre il wrestling professionistico. È fantastico vedere Keith Lee vincere contemporaneamente il titolo NXT e il titolo nordamericano e fare la storia.

Sei stato una specie di mentore nel tuo gruppo, Shane Taylor Productions. Credi che lavorare con Sons Of Savagery (SOS) e O'Shay Edwards sia una ricompensa?



Li ho visti nel ROH Dojo e, all'epoca, i decisori non sapevano cosa farne. Ero tipo, OK, dammeli. Vedo cosa possono essere e cosa possono fare. So cosa vuol dire essere affamati di un'opportunità. In meno di un anno, O'Shay ha fatto il suo debutto in ROH e sta facendo girare la testa. SOS e io siamo in fila per essere il numero 1 [nei] sei uomini tag team.

Shane Taylor

Anello d'Onore/Mike Adams



Hai fatto molta strada. Puoi mettere la prossima partita con Rush in una prospettiva per noi?

Stai parlando con un uomo nato nell'East Side di Cleveland, Ohio. Un ragazzo che ha visto e fatto praticamente tutto quello che c'è dalla parte sbagliata delle cose. Ho visto la violenza e l'uso di droghe. Ho avuto amici morti tra le mie braccia. Sono andato a probabilmente 100 funerali quando avevo 13 anni. Cambia la tua bussola morale perché passi dalla vita alla sopravvivenza. Quella mentalità si traduce direttamente nel wrestling professionistico per me.



Sapevo che molti dei personaggi che mi somigliavano in TV, non potevo immedesimarmi. Quello che volevo fare era rappresentare qualcuno con cui le persone come me potessero relazionarsi. Non ero uno stereotipo. Non stavo cercando di promuovere gli aspetti distruttivi della nostra cultura come fanno tante piattaforme mediatiche. Per me è una boccata d'aria fresca che, attraverso tutti gli ostacoli e i blocchi stradali, siamo sul punto di fare la storia e scalare questa montagna. Non potrei essere più felice perché non sono solo io, ma la mia squadra, la mia cultura che mi vede su questa piattaforma.

Ring of Honor TV, Syndication e HonorClub